RIPRISTINO DELL’ACCIOTTOLATO DI ACCESSO AL “MOLINETTO DELLA CRODA”

Lavori di eliminazione delle barriere architettoniche del varco di accesso, con il finanziamento della Regione del Veneto

Il piano di lavoro di questo intervento si è articolato essenzialmente in 3 fasi; nella prima fase di preparazione che ci ha preceduti, si è provveduto alla demolizione del vecchio acciottolato che prevedeva una serie di lunghi gradoni delimitati da cordoli in pietra che rendevano poco agevole la pedonabilità e l’accesso al sito del “Molinetto” ( foto 1 ).
In questa fase è stato possibile oltretutto potenziare e migliorare i sottoservizi essenziali come le linee acqua e luce e gli scarichi dei reflui.
Nella seconda fase si è provveduto all’esecuzione del getto di allettamento in calcestruzzo, eseguito calcolando le giuste linee di pendenza e le quote finali di pavimento finito ( foto 2 ).
Giunti alla 3 fase operativa, su indicazioni architettoniche, i vecchi cordoli in pietra precedentemente rifilati e restaurati sono stati riposizionati ( foto 3 ) secondo precisi allineamenti, sia lungo le linee di pendenza che trasversalmente, a significare le precedenti posizioni, alloggiate ora a pari livello con la pavimentazione (foto 4 ).
Di pari passo si è pure avviata la posa di ciottoli di fiume che sono stati tranciati a metà e sottoposti ad una leggera burattatura avente lo scopo di smussare le asperità, gli spigoli taglienti e conferire ai conci un aspetto consumato ed anticato.
L’acciottolato è stato posato secondo la vecchia tecnica tradizionale consistente nell’affondare il sasso nel letto di malta fresca di sabbia e cemento ed a posa completata il tutto è stato ricoperto di  boiacca liquida di sabbia inerte e cemento ( foto 5 ) a saturazione degli spazi tra i ciottoli, l’eccesso è stato poi asportato manualmente in una prima fase di lavaggio ( foto 6 ).
Trascorso un periodo di maturazione di circa 30 giorni, il pavimento è stato sottoposto a lavaggio con una soluzione di acido solfammico subito tamponata con un detergente alcalino ( foto 7 ); in questa fase è stata rimossa la patina cementizia di lavorazione, riportando i ciottoli alle loro brillanti e naturali tonalità (foto 8 ).
Il normale calpestio e la pazienza del tempo faranno ora il resto, conferendo al manufatto un aspetto di sobrio invecchiamento che ben presto si fonderà con il sito ed i suoi quasi 400 anni di storia.

Anno : 2020

Committente : Comune di Refrontolo (TV). Titolare appalto: Impresa Edile Bellè Andrea

Nome progetto : Lavori di eliminazione delle barriere architettoniche del varco di accesso

Località : Molinetto della Croda